Cultura. Sebastiano Tusa e l’archeologia, la Fondazione Buttitta organizza al Museo Salinas di Palermo un convegno internazionale di studi

COMUNICATO STAMPA

Convegno internazionale di studi “Percorsi di archeologia nella Sicilia occidentale. Sebastiano Tusa in memoriam (1952-2019)”.
Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas, 4-6 novembre 2021

A due anni dalla tragica scomparsa di Sebastiano Tusa, sembra essere maturo il tempo, al di là della liturgia della memoria, per una riflessione di tipo storiografico sulla sua personalità di studioso, attivo nella ricerca e nella tutela dei beni culturali siciliani, e sul suo contributo alla loro conoscenza. Partendo da questa esigenza, la Fondazione Ignazio Buttitta – con il sostegno del BCIF, in collaborazione con il Dipartimento Culture e Società dell’Università degli Studi di Palermo e il Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas– ha organizzato il convegno internazionale di studi “Percorsi di archeologia nella Sicilia occidentale. Sebastiano Tusa in memoriam (1952-2019)”, dedicandolo alla figura dell’intellettuale, ai molteplici aspetti della sua ricerca, sostanziatasi in decine di scavi, di interventi di tutela, di ricognizioni, e confluita poi, oltre che nella sua duplice attività di funzionario degli enti di tutela e di docente universitario, in una sterminata bibliografia ricca di centinaia di titoli.

“Percorsi di archeologia nella Sicilia occidentale. Sebastiano Tusa in memoriam (1952-2019)” si svolgerà dal 4 al 6 novembre 2021 al Museo Archeologico Antonino Salinas, in piazza Olivella a Palermo.

Il convegno si articolerà in una serie di percorsi tematici: la Sicilia occidentale prima degli Elimi; l’Archeologia subacquea; Selinunte; mondo elimo e Sicilia occidentale; la Sicilia centro-occidentale; musei, museo diffuso e comunicazione; Pantelleria. Ciascuno di essi è collegato alle attività di Sebastiano Tusa e si incentra nel territorio in cui lo studioso si trovò, in particolare modo, ad operare, ossia la Sicilia occidentale (in particolare le province di Palermo e Trapani).

Le relazioni sono affidate a studiosi di rilevanza internazionale, chiamati ad esaminare il contributo e ad illustrare il legato e gli sviluppi della ricerca iniziata da Tusa.

Nell’ambito del Convegno sarà presentato il documentario “Sulle orme di Sebastiano”, di Nicola Ferrari, e assegnate le tre borse di studio “Sebastiano Tusa per la ricerca archeologica in Sicilia”. Porteranno la loro testimonianza i familiari dello studioso scomparso e le autorità regionali e accademiche.

“Le attività dedicate a mio padre Sebastiano Tusa sono il frutto della collaborazione tra i suoi figli e la Fondazione Ignazio Buttitta – spiega Andrea Tusa -. In questa fase si tratta di un importante convegno e dell’assegnazione di tre borse di studio che rientrano in un progetto molto più ampio e articolato che si sviluppa nell’arco di due anni. Queste attività comprendono la sistemazione e l’inventario della biblioteca di mio padre, l’organizzazione e la realizzazione di un altro convegno a lui dedicato, le borse di studio, e lo svolgimento di indagini archeologiche in Sicilia. Spero vivamente – conclude Tusa – che questo progetto, sostenuto dal BCIF, possa costituire un punto di partenza per l’avvio di una serie di attività che possano contribuire seriamente a tenere viva la memoria di mio padre, dei suoi insegnamenti, e di tutto ciò che è riuscito a realizzare per la tutela, lo studio e la valorizzazione del nostro patrimonio archeologico e culturale, e più in generale per la crescita culturale della nostra Sicilia.”

Per partecipare al Convegno occorre la prenotazione al n. 328 5678119 e il possesso di Green Pass.

Informazioni:
Fondazione Ignazio Buttitta – tel. 091 7026433 / 339 1852655 / 333 2188325
fondazione.buttitta@yahoo.it
www.fondazioneignaziobuttitta.org

Ufficio stampa:
Antonella Folgheretti – 3297408592
afolgheretti@gmail.com

Bando per l’assegnazione di n. 3 Borse di studio “Sebastiano Tusa per la ricerca archeologica in Sicilia” Scadenza 25 ottobre 2021

Bando per l’assegnazione di n. 3 Borse di studio
“Sebastiano Tusa per la ricerca archeologica in Sicilia”

Scadenza 25 ottobre 2021

La Fondazione Ignazio Buttitta, con il sostegno del Boeing Community Investment Fund (“BCIF”), bandisce un concorso per l’assegnazione di n. 3 Borse di studio di € 2.500,00 dedicate a Sebastiano Tusa per la ricerca archeologica in Sicilia.

Le borse di studio sono riservate ai possessori di diploma di laurea magistrale in Archeologia (classe di Laurea LM-2) conseguito presso le Università di Palermo, Catania e Messina, che non abbiano compiuto 30 anni e che abbiano raggiunto almeno la votazione di 110/110 su tesi concluse negli a.a. 2019-2020 e 2020-2021.

Le borse saranno assegnate da una Commissione composta da docenti delle Università siciliane, da un rappresentante della Fondazione Ignazio Buttitta e da un rappresentante della famiglia di Sebastiano Tusa.

Le richieste di partecipazione, accompagnate dal curriculum e dalla tesi di laurea in pdf, dovranno pervenire all’indirizzo email fondazione.buttitta@yahoo.it, entro e non oltre il 25 ottobre 2021.

La Fondazione Buttitta ad Una Marina di Libri

La Fondazione Ignazio Buttitta esporrà le proprie pubblicazioni in occasione del Festival del libro
UNA MARINA DI LIBRI
12° edizione “Per l’alto mare aperto”
Palermo, Parco Villa Filippina
16 > 19 settembre 2021
Inaugurazione giovedì ore 16.30 Spazio Maestrale
***
Presentazione del volume
UOMO E COSMO NELLA STORIA
Paradigmi, miti, simboli
Ed. Fondazione Ignazio Buttitta, 2020

Spazio Levante, sabato 18 settembre ore 19

Si inaugura giovedì 16 settembre alle ore 16.30 la dodicesima edizione della manifestazione Una marina di libri. Anche questa edizione, dal tema “Per l’alto mare aperto”, è ricchissima di incontri e appuntamenti per adulti e bambini: dalle presentazioni ai reading, dalle tavole rotonde ai laboratori, dalle storiche rubriche Gli scrittori che ci mancano, Donne in amore, Marina Rolls agli eventi speciali.

Qui il programma completo: https://unamarinadilibri.it/wp-content/uploads/2021/09/programmaunamarinaEXE2021_web_compressed.pdf

Sabato 18 settembre alle ore 19 presso lo Spazio Levante si svolgerà la presentazione del volume Uomo e cosmo nella storia. Paradigmi, miti, simboli. Atti del convegno tenutosi a Palermo dal 18 al 20 settembre 2019, Ed. Fondazione Buttitta, 2020.
Intervengono Ignazio E. Buttitta e Antonino La Barbera.

Informazioni per l’accesso:

Informazioni e biglietti – Una marina di libri 2021


Parco Villa Filippina, Piazza San Francesco di Paola, 18
La manifestazione si chiuderà il 19 settembre alle ore 24.00

Bozza invito una marina di libri 2021 ok

CHIUSURA ESTIVA 2020

CHIUSURA ESTIVA

SI COMUNICA CHE GLI UFFICI DELLA FONDAZIONE IGNAZIO BUTTITTA SARANNO CHIUSI DAL 9 AL 31 AGOSTO 2021

LA BIBLIOTECA DELLA CULTURA SICILIANA (PALAZZO TARALLO) SARA’ CHIUSA DAL 2 AL 22 AGOSTO 2021.
Per comunicazioni urgenti scrivere all’indirizzo fondazione.buttitta@yahoo.it

LA PELLE NUOVA

Comunicato stampa

LA PELLE NUOVA

Testi Ignazio Buttitta
Musiche Bobo Santo Otera e Gabriele Ferrarese
Voce Bobo Santo Otera

A cura di Emanuele Buttitta
Edizioni Fondazione Ignazio Buttitta

La Fondazione Ignazio Buttitta ha pubblicato il Cd La Pelle Nuova (2021), quinta delle produzioni discografiche dedicate al Poeta bagherese, tutte curate da Emanuele Buttitta.
Moltissimi i cantanti e i musicisti che nell’ultimo mezzo secolo hanno interpretato i testi di Ignazio Buttitta: tra questi Bobo Santo Otera, fondatore, cantante e performer della Taberna Mylaensis, che negli ultimi due anni ha dedicato gran parte della sua attività all’approfondimento delle poesie di impegno civile e di alcune liriche d’amore meno eseguite in passato ma non per questo di minor valore. Otera, con la collaborazione di Gabriele Ferrarese, ha composto melodie nuove poiché “È necessario raccontare, cioè ordinare: un cuntu imprevisto e sorprendente, di quella vita mia che ancora si dipana: amicizia, musica, politica; il primo incontro con Ignazio: cercare la musica dentro i suoi versi, cantarlo”, come lui stesso afferma nell’introduzione del Cd. E la melodia, o meglio, l’ambiente musicale del disco, è una colonna sonora fatta di strutture classiche, archi e sintetizzatori; un paesaggio sonoro (il treno, la strage, il “mi manchi” delle sue splendide canzoni d’amore) che vuole rappresentare l’immortalità dei versi di Buttitta, fuori dalle musiche convenzionali dove scrivere è una cosa, suonare un’altra e ascoltare un’altra ancora.
Ma l’aspetto più interessante è che con Otera il Poeta è cantato sia in siciliano sia in italiano. Ciò permette che i significati testuali della letteratura sui temi del lavoro, della mafia, dell’emigrazione, del dolore, dell’amore possano giungere limpidamente non più solo al pubblico isolano ma a tutto il pubblico nazionale. Al di là di ogni idillio etnico, paradossalmente, cantare in italiano Buttitta è rappresentare in modo chiaro a un pubblico più vasto una identità culturale specifica. A questo proposito, nella sua introduzione Emanuele Buttitta scrive: “La letteratura vale per i significati che veicola, per la implacabile verità del verso: è necessario renderla immediatamente comprensibile. È stato tradotto e letto in tante lingue, cantato solamente in siciliano. Bisogna farlo in tutti gli idiomi del mondo. Acerrimo nemico del mito romantico delle identità nazionali, della specificità conforme dei popoli, mio nonno, comunista e cosmopolita, affermava il valore di un’antica stratificata cultura, perché pensava che avesse qualcosa da dire nella costruzione di un mondo più giusto, più equo: di uguali; e di conseguenza, marxianamente, anche nella edificazione di una identità condivisa”.
Quindici le tracce contenute nel Cd, dalle più celebri Lingua e dialetto e Non mi lasciare solo, alle meno conosciute Tu non ci sei e Da stasera a domani, attraverso le quali, dice Emanuele Buttitta “Bobo, cantando in italiano, ha valorizzato pure la dimensione lirica dell’Opera: poesie mai note e anche da me dimenticate; gli ha fatto una pelle nuova.”
Alcuni brani sono stati presentati in anteprima in occasione della edizione 2021 del Festival Fino al cuore della rivolta organizzato da Archivi della Resistenza – Circolo Edoardo Bassignani di Fosdinovo.
Il Cd è realizzato con il contributo del Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Siciliana e del Ministero della Cultura, Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali.
Per informazioni: fondazione.buttitta@yahoo.it

immagine per comunicazione

Page 3 of 3312345...102030...Last »
© 2011-2013 - Fondazione Ignazio Buttitta - via Giovanni di Giovanni n. 14, 90139 Palermo - C.F. 90010340827 - iscritta al n. 59 del registro delle Persone giuridiche private istituito presso la Presidenza della Regione Siciliana (D.P.R. 361/2000)